UN AVVENTURA DI FAMIGLIA DAL 1967

Noi siamo la famiglia Bricalli e da più di 50 anni

gestiamo l'Hotel Fior di Monte.

Per poter raccontare la storia che ci ha portato qua oggi è però necessario fare un salto nel tempo e nello spazio.

Montagne innevate

È il 1918 e siamo all'Alpe Prabello.

In quei tempi l'alpe era abitata da molte famiglie di Caspoggio le quali si dedicavano l'allevamento di più di cento mucche.

 

I turisti che salivano erano soliti fermarsi alla baita più grande, quella di Ersilio, a cui chiedevano alloggio e negli anni il loro numero aumentava sempre più tanto che 6 anni dopo, su consiglio del parroco dell'epoca Don Gatti, Ersilio costruì una cucina e una sala da pranzo.

 

Naque così il rifugio dell'Alpe Prabello che lui battezzo con il nome dei sua moglie, Cristina.

 

Alpinisti, pittori, benestanti formavano la flotta dei turisti di quel tempo; non di rado chiedevano una guida per conquistare il pizzo Scalino, così l'intraprendente Ersilio avviò i figli Olivio e Poliuto all'arte dell'alpinismo tant'è che per oltre 50 anni olivo è stato uno dei pochi caspoggini a praticarlo.

 

Gli anni passano e Olivo, sulle orme del padre, ingrandisce il rifugio "assumevo a giornata donne e giovani che con le gerla sulle spalle trasportavano da Caspoggio i materiali per la costruzione e le vivande; ricompensa: 20 lire per ogni chilogrammo trasportato"

Così il rifugio prendeva sempre più corpo ed in successive due fasi veniva ultimato.

Rifugio Cristina.jpeg
Olivio Bricalli.jpeg

1939 - 45

1946

1947

Dicembre 1967

Tutto si ferma, è scoppiata la guerra mondiale. Olivo: "sono stato in tutti i fronti, Francese, Albanese e Russo. Poi mi hanno fatto prigioniero e mi hanno internato per 25 mesi in Prussia Orientale (Polonia)" 

Olivo arriva a piedi a Caspoggio dopo esser stato liberato, il giorno in cui il fratello Poliuto si sposa.

Un pensiero, un grande Progetto si annida nella sua mente e con gli anni si fa sempre più grande,  l'idea di realizzare un Albergo a Caspoggio

Olivo si sposa con Natalina Negrini, dal loro matrimonio nasceranno 5 figli: Giuliano, Ersilio, Samuele, Pasquale, Ezio e 3 figlie: Franca, Mariastella. Saranno loro a portare avanti l'attività di famiglia.

L'ambizioso progetto di Olivo vede la luce, in via Pizzo scalino 2 a Caspoggio viene inaugurato l'Albergo Fior di Monte

HF1.jpeg

1975 - 79
e 1994

1987 - 92

18 Maggio 1996

2000

2002

Viene Ampliato l'Hotel con l'aggiunta di un'ala nuova. I lavori iniziano nel 75 con la costruzione dei garage e dei primi due piani, di cui uno adibito a sala da pranzo. Vengono poi ripresi nel 94 con l'aggiunta di altri 2 piani. 

Nel giardino di fronte all'Hotel sorge un nuovo edificio, la dependance, che andrà ad incrementare la capacità di accoglienza della struttura.

Olivo Bricalli passa a miglior vita lasciando la gestione dell'Hotel Fior di Monte ai suoi figli.

I figli di Olivo di comune accordo decidono di ampliare ulteriormente la struttura con la costruzione di una sala conferenze,

banchetti.

La nuova sala apre i propri battenti al pubblico insieme all'autorimessa sottostante ed al Giardino/Solarium soprastante

HF2.jpeg

Da quella prima intuizione di Ersilio Bricalli nel lontano 1919 sono cambiate tante cose ma la famiglia Bricalli è sempre qua, generazione dopo generazione,

pronta ad accogliere ogni singolo ospite.

Soggiornando all'Hotel Fior di Monte

non sarete un numero su un tabellone ma persone, ognuna con la propria storia e personalità,

e il nostro impegno sarà sempre quello di

accogliervi nel migliore dei modi e farvi sentire

parte della nostra Famiglia.

Seguici sui 
Social

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Instagram
Hotel in inverno